Home
filosofia
programma
workshop
edizioni precedenti
I workshop sono gli spazi di approfondimento nei quali le esperienze dei partecipanti si confrontano con nuovi spunti, suggestioni e conoscenze, coagulandosi in nuovi saperi capaci di ridefinire scenari e orientare nuove possibilità d'azione.
In ogni gruppo sarà accompagnato da un conduttore e ad ognuno verrà introdotto dalla presentazione di una buona pratica.
Cinque le aree tematiche proposte:


1) il nido flessibile

il workshop centra la rifelssione su sistema di aspettative e di condizionamenti esterni a cui il nido deve sottostare o dei quali è comunque opportuno tenere conto. Aspetti normativi, gestionale, sostenibilità economiche, nuove necessità delle famiglie e bisogni della comunità non possono prescindere dalle specificità di uno spazio che deve rispettare, in primo luogo, i tempi e le necessità dei bambini.
Quali, dunque, i possibili punti di equilibrio per rispondere ad aspettative in aumento e risorse sempre più difficili da reperire?

2) i nuovi nidi

il workshop pone l'accento sulle nuove esperienze di nido che negli ultimi anni vanno via via moltiplicandosi.
Accando a soluzioni realmente innovative, capaci di intercettare nuovi bisogni con interessanti soluzioni organizzative, ripensamenti degli spazi e progetti pdegogicamente fondate, si vedono fiorire proposte che sforano nella bizzarria fine a se stessa, accontentandosi di inseguire mode e richieste che andrebbero meglio mediate.
Quali, dunque, i presupposti per avviare sperimentazioni e modelli innovativi?

3) il nido interattivo

il workshop parte dalla risignificazione del termine interattività verificando quali siano le opportunità di interazione offerte ai soggetti in gioco: bambini, educatori, famiglie e comunità. L'idea è che una riflessione consapevole sull'educazione digitale e i nuovi media non possa prescindere e vada preceduta da una analisi del concetto di interattività intesa come reciprocità. Vogliamo condividere con i partecipanti se, cosa e come (gioco, rapporto con le famiglie, formazione...) possa essere effettivamente trasferibile in ambiente 2.0 a partire da una riflessione sul concetto di gioco creattivo.

4) il nido in ascolto


accade sempre più spesso che il nido accolga e diventi spazio di emersione di fragilità genitoriali e complessità familiari. Seppur aperto alla comunità, il nido è un ambiente protetto in cui è talvolta difficile gestire con equilibrio le chescenti richieste di ascolto, comunque frutto di un rapporto di fiducia che si stabilisce tra famiglie ed operatori. La capacità di ascolto dei bisogni della famiglia, ma anche e soprattutto del bambino, come condivisione di notazioni sul percorso di crescita o osservazioni su possibili patologie, implicano competenze che vanno via via costruite e di cui è necessario acquisire consapevolezza.
Il workshop intende analizzare quali possano essere gli spazi e i modi in cui può essere opportuno e utile accogliere e quanto sia invece necessario rinviare o semplicemente contenere tali richieste.

5) da decenni al nido

il continuo procrastinarsi dell'età di pensionamento, ma non solo, porta ad interrogarsi sul ruolo e sulla motivazione di educatori/educatrici che hanno visto nascere i servizi per la prima infanzia in Italia.
Il workshop si propone di attraversare queste esperienze cercando di evolvere il rischio di burnout degli operatori senior in protagonismo nell'innovazione. L'i dea è di iconoscere a chi ha maggiore esperienza il ruolo di sentinelle di alcuni elementi irrinunciabili, risolvendone la componente puramente nostalgica, consentendogli di accompagnare le nuove generazioni di educatori in più solide sperimentazioni.

news
promotori
formule di iscrizione
 



 
Site Map